parallax background

Percorsi di Gusto, se a far rinascere L’Aquila è una pizza

18 Dicembre 2018
I Panettoni della Pasticceria Mennella di Napoli: per il 2018 arrivano sei nuove varianti
15 Dicembre 2018
Abbiamo assaggiato il primo torrone di cioccolato crudo al mondo firmato Grezzo Raw Chocolate
19 Dicembre 2018
 

C’è una musica che non passa inosservata agli angoli di una strada. Anche se cerchi di evitarla lei ti sussurra di andare da lei. Così, tra le luci fioche di quella via, ci facciamo trasportare dalla melodia fino ad arrivare a “casa” di quella furia di Marzia Buzzanca: eccoci a “Percorsi di Gusto” a L’Aquila.

Se cercate sul dizionario alla voce “ricominciare” troverete con molta probabilità la sua faccia sorridente: Marzia Buzzanca è così come la vedete, non si nasconde dietro libri altisonanti e accoglie tutti con lo stesso spirito, senza fare distinzioni. Zampetta per il suo locale, fa lo slalom tra i tavolini e controlla la sua cucina con precisione certosina.

Ci sediamo e mentre aspettiamo il menu sbircio un po’ tra i ritagli di giornale che sbucano timidi da uno scaffale all’ingresso del ristorante: parlano di lei e della sua storia.

 

Dopo il terremoto del 6 aprile 2009, il suo “Percorsi di gusto” è stato il primo locale a riaprire nel centro storico de L’Aquila. Marzia, però, non ha fatto tutto da sola: a rimboccarsi le maniche, insieme a lei, ci sono state tante persone tra cui il capitano de L’Aquila Rugby, Maurizio Zaffiri, e lo chef Niko Romito, grande amico di Marzia già prima delle “Stelle Michelin” e dei riconoscimenti internazionali.

Se “Percorsi di Gusto” è oggi uno dei locali più conosciuti in Italia è anche grazie alla determinazione di Marzia. La ricostruzione, quella materiale e quella morale, però, non è sempre stata semplice da realizzare, soprattutto subito dopo quel 6 aprile di quattro anni fa. «Ero un po’ scoraggiata all’inizio – racconta – ma poi è arrivato Niko che mi ha subito detto: “Te le hanno già dette le paroline magiche ‘non ce la farai mai?’ Allora sta a vedere che ce la farai di sicuro!"».

 

Così, grazie a qualche consiglio di Niko Romito e agli insegnamenti di Simone Padoan sulle tecniche della pizza, è cominciata la nuova/vecchia vita di questa incredibile donna.

La sua pizza è un’opera anch'essa “in costruzione”: il lavoro inizia dalla mattina quando si lavora rigorosamente a mano il lievito madre che sarà la base dell’impasto. A vedersi è così bello, bianco e altero, che sembra fatto apposta per essere modellato da Marzia. Il calore delle mani plasma il composto che avrà una lenta lievitazione a temperatura controllata. Una volta pronte, le pizze sono consigliate in degustazione, servite una alla volta e già tagliate a spicchi.

 

Se si potesse fare un paragone, allora si potrebbe dire che Marzia è come la sua pizza e la sua pizza è come L’Aquila: sogna di crescere sempre di più e di ritornare sulla bocca di tutti.

Percorsi di Gusto. Viale della Croce Rossa, 40 L’Aquila - http://www.percorsidigusto.com/

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Vai alla barra degli strumenti