parallax background

Ritorna “Chef Bizzarri”, il progetto di Birra del Borgo per una cultura italiana della birra

Straforno, quando la rivincita delle periferie passa da una pizza
4 Marzo 2019
Pellegrini partecipa a Sud & Champagne, evento per i professionisti del settore targato Club Excellence
5 Marzo 2019
 

Chef Bizzarri chiama a raccolta i grandi cuochi italiani. Tre serate presso l’Osteria di Birra del Borgo di Roma con gli chef Niko Romito, Heinz Beck e Pino Cuttaia.

Dal 2016 Birra del Borgo porta la birra italiana dove non è mai arrivata, invitando chef stellati e non a valorizzarla esprimendo la loro personale idea di birra in cucina. Lo chef e il birraio diventano liberi e creativi, insieme. Oggi più di ieri, Birra del Borgo cerca di diffondere un’idea di birra che trovi nella relazione con la ristorazione, in particolare con l’alta cucina, una chiave di lettura non solo possibile ma anche all’avanguardia, nuova.

Con il progetto Chef Bizzarri l'azienda porta i cuochi a ripensare la birra e la birra a conoscere nuovi mondi. L’edizione 2019 ruoterà intorno alla pizza, ad inaugurarla sarà Niko Romito martedì 12 marzo, e racconterà una storia che affonda le sue radici in una tradizione diventata oggi innovazione. Accessibili, democratiche, popolari: pizza e birra, due prodotti nati dalla stessa triade creativa: acqua, cereali e lievito.

 

Ma può un prodotto popolare trasformarsi in alta gastronomia? Verranno interrogati i grandi cuochi per capire se la pizza può cambiare, se una specialità così antica e conosciuta può trasformarsi in qualcosa di nuovo e personale e fino a che punto. Giocando con le strutture, le fermentazioni, le ricette, le tradizioni e le invenzioni. Rompendo gli schemi e immaginando regole nuove, insieme a Luca Pezzetta, il pizzaiolo de L’Osteria di Birra del Borgo, racconteranno una nuova idea di birra e di pizza dando vita a nuove, insospettabili forme.

TRE GRANDI CUOCHI PRESSO L’OSTERIA DI BIRRA DEL BORGO

VIA SILLA 26A (ROMA, PRATI)

Tre grandi interpreti della cucina italiana sovvertiranno le regole della pizza cercando di avvicinarla alla cucina d’autore.

Martedì 12 marzo Niko Romito (Reale, Castel di Sangro);

Giovedì 4 aprile Heinz Beck (La Pergola, Roma);

Lunedì 15 aprile Pino Cuttaia (La Madia, Licata).

Bandite le regole che vogliono ogni attore al proprio posto, dentro certi confini ben definiti. Qui si parte dalla birra come libera ispirazione e da una base comune, l’impasto. Su di esso o accanto ad esso ciascuno può disporre, immaginare ed esprimere la propria personalissima idea. Il cuoco racconta e si racconta, nessuna regola in sala, il rigore vige solo in cucina.

 

BIRRA DEL BORGO vuole raccontare una nuova idea di birra, libera dai luoghi comuni e vicina alla cucina d'autore, attraverso una serie di incontri con cuochi e ristoratori pronti a mettersi in gioco. Sul palcoscenico, al centro della scena, i racconti di birrai, cuochi, amici, appassionati e giornalisti del settore. Il progetto “CHEF BIZZARRI” nasce con l’obiettivo di coinvolgere chef e ristoratori selezionati nella creazione di serate evento originali, finalizzate al gioco e alla sperimentazione con la birra. Protagonista la birra di qualità accanto a piatti, idee e prodotti caratterizzati da naturalità, creatività e gusto.

LE BIZZARRE

Ad ispirare le serate saranno sempre loro, le bizzarre di Birra del Borgo, birre che fanno convivere gusti e profumi inediti. Sono prodotte in tiratura limitata utilizzando ingredienti e lavorazioni speciali. Il filo conduttore tra le produzioni è la creatività volta a sorprendere e sperimentare. Con la produzione nel 2009 della bizzarra l’Equilibrista, Italian Grape Ale realizzata con mosto di uva Sangiovese (40%) e mosto di birra Duchessa (60%) che fermentano insieme lavorati con il procedimento del metodo classico, invecchiamento in bottiglia, "remuage", sboccatura e aggiunta di liqueur d'expedition, Birra del Borgo ha cercato di dare voce ad un pensiero che da sempre accompagna la sua produzione: vedere la birra utilizzata in contesti diversi, nuovi, eleganti, vicini alla cultura del cibo e con uno stile tutto italiano.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Vai alla barra degli strumenti